Fonte immagine ilbianconero.com

Questi cinque nomi non provengono da una fantomatica formazione iper-offensiva di uno dei più famosi videogiochi calcistici, ma rappresentano la catena che verosimilmente infiammerà le prossime ore di calciomercato.

Il brasiliano non è stato convocato per la prima partita del Paris Saint Germain in Ligue 1 e non è un mistero che lo stesso abbia completamente rotto con l'ambiente parigino, compresi i tifosi che lo hanno "educatamente" mandato a quel paese sugli spalti, invitandolo a cambiare aria in fretta; per lui l'opzione al momento più spendibile (forse l'unica) sembra essere quella del Real Madrid, che ammortizzerebbe la spesa inserendo nella trattativa due giocatori molto graditi a Leonardo e sostanzialmente fuori dal progetto tecnico di Zidane, come Isco e Bale.

A quel punto, i ben informati sono pronti a sostenere che con le tasche appena riempite dalla cessione di O'Ney, i francesi si butterebbero a capofitto su Paulo Dybala, individuato da tempo come l'uomo su cui investire per far dimenticare in fretta la partenza di Neymar; il dorato trasferimento della punta argentina sous la Tour genererebbe una grande plusvalenza per la Juventus, che oltre ad aggiustare le finanze, un po' troppo stressate dopo l'affare De Ligt, potrebbe reinvestire parte del ricavato per gettarsi all in su Maurito Icardi, che nonostante abbia pubblicamente dichiarato di non voler abbandonare la sua casa nerazzurra, accetterebbe molto volentieri un trasferimento in bianconero, che gli eviterebbe di dover assistere dalla tribuna ai due prossimi campionati.

Fonte immagine ilbianconero.com

Liberata dai capricci del duo sportivo-mediatico Mauro-Wanda, la Beneamata affonderebbe finalmente il colpo decisivo su Edin Dzeko, promesso sposo ormai da quasi due mesi, ma che la Roma non accetta di valutare meno di venti milioni; con i 40-50 milioni ricavati da Icardi infatti, l'Inter verosimilmente sarebbe più disposta ad andare incontro ai capitolini, concludendo finalmente per il calciatore tanto desiderato da Antonio Conte.

A quel punto con il cerino in mano rimarrebbe proprio la Roma, ma la partenza del bosniaco verrebbe rimpiazzata proprio dal prestito oneroso, con diritto di riscatto, di Gonzalo Higuain, fatto che risolverebbe un'altra grana ai campioni d'Italia, capaci nello stesso tempo di rinforzarsi e piazzare un paio di esuberi garantendosi interessanti plusvalenze.

Sarà questo il domino di punte che cambierà le squadre della Serie A nelle prossime ore? Probabile, ma attenzione perché il mercato ci ha insegnati più volte negli anni che le sorprese sono sempre dietro l'angolo...