Fonte immagine fcinter1908.it

In questo periodo di trattative legate alla finestra estiva di calciomercato, sono diverse le voci che si rincorrono, alcune discordanti tra loro, altre confermate dai più, ma tra tutte queste credo sia possibile individuarne una che molto difficilmente temerà smentite: Romelu Lukaku, possente attaccante belga, visto con la maglia del Manchester United nelle ultime due stagioni, l'anno prossimo giocherà in Serie A.

Portando con sé uno bottino di oltre 250 presenze e cento reti in Premier League, raccolto soprattutto nell'esperienza all'Everton e nella sua attuale squadra, l'attaccante che detiene tutt'ora il record di marcature con la nazionale belga (48) intraprenderà con tutta probabilità una nuova avventura della sua carriera in Italia, ma il finale della storia potrebbe essere decisamente diverso da quello che sembrava già scritto.

Credo che chiunque avrà la bontà di leggere queste righe, saprà quasi certamente che la punta classe 1993, nativa di Anversa, rappresenta l'oggetto del desiderio di Antonio Conte fin dai primi giorni della sua nuova avventura interista, avendo individuato nel belga la classica punta di peso attorno alla quale far ruotare tutti gli schemi offensivi; Lukaku a sua volta ha espressamente dichiarato di gradire la destinazione nerazzurra, al punto di arrivare a promettere il suo imminente sbarco a Milano a quello che potrebbe diventare il suo nuovo allenatore.

Fonte immagine lagoleada.it

Sul fatto che il calciatore viva questo inizio di pre-stagione da separato in casa allo United, parrebbe confermato anche dal fatto che lo stesso non si sia aggregato alla squadra per la tournée messicana, rimanendo ad allenarsi in solitaria nella città inglese in attesa delle novità dal mercato; l'imminente chiusura delle trattative in Premier League, che sbarrerà le proprie porte tra 9 giorni, fa in modo poi che ormai tutto si debba per forza di cose decidere nelle prossime ore e che Lukaku veda le coste del Belpaese sempre più vicine.

Attenzione però, perché nonostante la conclusione della vicenda a questo punto del racconto appaia piuttosto logica, alcune fonti provenienti da Manchester parlano apertamente di irritazione della dirigenza locale nei confronti dell'atteggiamento troppo attendista dell'Inter; lo United non intende muoversi dalla valutazione di 83 milioni di euro fatta per il calciatore, e incurante delle volontà di quest'ultimo e di eventuali accordi già raggiunti, non ha esitato a rispedire al mittente tutte le proposte di acquisto piuttosto creative avanzate dal gruppo Suning, incentrate sul prestito con eventuale riscatto più che sull'acquisto.

Dall'Inghilterra giurano che l'intransigenza mostrata oltremanica sia dovuta anche ad una vicenda del passato, il mancato accordo con l'Inter di due stagioni fa per l'acquisto di Perisic, dato che da Milano rifiutarono di lasciar partire il croato, già d'accordo con il club inglese, se non per una cifra ritenuta eccessiva di 60 milioni; ma possibile che una trattativa del genere sia destinata a saltare solo per questioni di orgoglio? Dunque da dove deriva tanta certezza circa un prossimo arrivo sui prati verdi nostrani di Lukaku?

Fonte immagine fcinter1908.it

La risposta è da cercare andando a scovare il classico terzo incomodo, questa volta incarnato nell'abito bianconero dei campioni d'Italia della Juventus: secondo diverse testate giornalistiche infatti, Madama si sarebbe prepotentemente inserita, superando addirittura i rivali, nella trattativa tra l'Inter e il Manchester United, arrivando ad ipotizzare uno scambio con Paulo Dybala ed un conguaglio di una decina di milioni in favore dei bianconeri.

Per di più, stando alle parole del direttore dell'emittente televisiva SportItalia e del sito tuttomercatoweb.com, Michele Criscitiello, l'agente del giocatore Federico Pastorello avrebbe già confidato da tempo alle persone intorno a lui l'approdo in bianconero di Lukaku, con le parole di Pavel Nedved, durante la presentazione dei calendari di Serie A riguardo alla vicenda, ad esprimere una sorta di conferma indiretta sulle ottime possibilità di riuscita dell'affare.

Ne sapremo di più in settimana, quando la Joya tornerà dalle vacanze e in un delicato faccia a faccia con la dirigenza e con Maurizio Sarri verosimilmente apprenderà in prima persona che la sua avventura alla Juventus sta per terminare.

Immagine di proprietà di Scorum Italia