https://it.wikipedia.org/wiki/Sauber_C34

Gli ultimi piloti italiani al volante di una monoposto di F1, furono Trulli e Liuzzi nel ormai lontano 2011. 

Ben 8 anni di assenza,un’eternità ma il 2019 vedrà finalmente il ritorno di un pilota italiano, il pugliese Antonio Giovinazzi che correrà per la Sauber- Alfa Romeo.

Il pugliese lo scorso hanno aveva già corso per il team svizzero, disputando due gran premi, in Australia e Cina, come sostituto di Pascal Wehrlein.

Ora diventa pilota ufficiale e nel 2019 sarà lui ad affiancare Kimi Raikkonen, ormai ex ferrarista già annunciato qualche settimana fa alla Sauber.

Dopo 8 anni finalmente un pilota italiano a tempo pieno in F1. Si rinforza dunque la presenza italiana nel team visto che Alfa Romeo da quest’anno, dopo un’assenza di oltre 30 anni, è rientrata alla grande nel mondo delle corse motorizzando la scuderia elvetica.

Questo felice epilogo vede lo zampino della Ferrari, che dopo aver accasato il fiore all’occhiello della sua Academy, il francese Leclerc, da qualche settimana annunciato come nuovo pilota Ferrari per il prossimo anno, ha deciso di mettere una buona parola per Antonio Giovinazzi, anche lui vecchio pupillo dello scomparso Sergio Marchionne. La Ferrari ha avuto Giovinazzi sia al proprio simulatore, sia come terzo pilota nei test

Il 24enne Giovinazzi vanta in carriera un trofeo italiano ed uno europeo nei kart e il 2° posto nel campionato GP2 del 2016, dietro solamente a Gasly.

Il pugliese ha manifestato grande gioia, non solo per l’approdo come pilota ufficiale, ma anche l’onore di guidare un pezzo della storia motoristica italiana. Alfa Romeo e Giovinazzi tingeranno di tricolore la prossima stagione di F1. Sarà una grande occasione di imparare, anche perchè il suo compagno Kimi Raikkonen, ha esperienza da vendere e il suo prestigioso ingaggio dimostra che il team ha progetti ambiziosi per il futuro.